Corso di Ceramica Raku - Colori e Smalti - Arteraku.it

Colori e smalti


Gli smalti utilizzati per il Raku si differenziano dagli smalti industriali per il loro basso punto di fusione che si aggira tra i 900° - 1000°C. Gli smalti che si trovano in commercio  (smalti per maiolica) possono essere facilmente adattati al nostro scopo: innanzitutto è bene tagliarli con della cristallina a base di piombo (la percentuale può variare tra il 40% e il 60% a seconda dell'effetto che si vuole ottenere) per ottenere una superficie più trasparente e meno "industriale" e allo stesso tempo correggere il punto di fusione dello smalto stesso.

Se vogliamo ottenere uno smalto fedele alla tradizione giapponese, dovremo utilizzare solo cristallina con una piccola percentuale di smalto opacizzante; consiglio di fare dei piccoli "provini" su cui testare la cristallina tagliata con percentuali diverse di smalto e in base ai risultati utilizzare quello più idoneo al vostro caso. Se vogliamo dare un po' di colore al nostro smalto non dobbiamo far altro che aggiungere degli ossidi metallici in una percentuale che, generalmente, non supera il 5%.

Gli ossidi e i sali metallici sono molto importanti nella ceramica Raku perché, a seconda del tipo di cottura (ossidante o riducente), possono cambiare colore ottenendo bellissimi effetti: per esempio l'ossido di rame cotto in atmosfera riducente (povera di ossigeno) risulta rosso rubino metallico, in atmosfera ossidante (ricca di ossigeno) risulta verde.
Ogni ceramista dovrebbe testare gli smalti che usa sia in atmosfera riducente sia in atmosfera ossidante, e correggere le composizioni a seconda del risultato che vuole ottenere. Per ottenere degli splendidi effetti metallici è sufficiente aggiungere il 2% circa di nitrato d'argento al nostro smalto; per effetti perlacei utilizzare il nitrato di bismuto.

Ricordo che  il Raku non da risultati certi; buona parte del risultato è dato dal caso, che possiamo cercare di "imbrigliare" per ottenere quello che vogliamo, ma che, alla fine, è il vero artefice della bellezza e dell'unicità di un nostro pezzo.
Al contrario se un pezzo è brutto è solo colpa nostra, il caso non c'entra nulla.



Sotto riporto la  tabella degli ossidi più facilmente reperibili in commercio con le percentuali rispetto agli smalti e la colorazione che acquistano a seconda della cottura ossidante o riducente.


Ossido % Colore in ossidazione Colore in riduzione
Ossido di ferro
4 avana grigiastro avana grigiastro
Ossido di stagno
8 bianco bianco
Ossido di rame
2 verde rosso rubino
Ossido di cromo
3 rosso scuro verde brillante
Carbonato di rame
1 azzurro chiaro azzurro grigiastro
Carbonato di manganese
3 porpora porpora
Cobalto
1,5 blu scuro blu scuro

Corso Raku

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list