ArteRaku.it - Paola D'Antuono -Luce e colore, la forma libera dell'emozione - alla Galleria Studio C di Piacenza

Paola D'Antuono -Luce e colore, la forma libera dell'emozione

alla Galleria Studio C di Piacenza  dal 16/10/2021 al 28/10/2021

Galleria d'arte contemporanea Studio C via G.Campesio, 39 Piacenza (PC)


Paola D'Antuono -Luce e colore, la forma libera dell'emozione
Galleria d'Arte Contemporanea
“STUDIO C”
via Giovanni Campesio, 39
20121 Piacenza
cell: 348-8703060
E mail: studio.c.immagine@gmail.com


MOSTRA PERSONALE DI PAOLA D'ANTUONO

LUCE E COLORE, LA FORMA LIBERA DELL'EMOZIONE

16 – 28 OTTOBRE 2021


Alla Galleria d'Arte Contemporanea “STUDIO C” di via Giovanni Campesio 39 si inaugura sabato 16 ottobre, alle ore 18, la mostra personale di Paola D'Antuono dal titolo “Luce e colore, la forma libera dell'emozione”.
Nata a Sassuolo, dove anche oggi vive e lavora, Paola D'Antuono è un'artista dal lungo e articolato curriculum critico-espositivo con mostre prestigiose tenute in spazi pubblici e privati di tutta Italia. Poliedrica e comunicativa, interessata a varie e diversificate espressioni creative, ormai da diversi anni è seriamente impegnata a dare corpo e voce a colori e materia che, nelle sue mani, acquistano valori e significati intensi, diventano simbolo e metafora dei nostri giorni, si fanno linguaggio estetico nuovo e contemporaneo. Arte intensa e sentita, quella dell'artista emiliana, quasi un prolungamento della sua stessa vita, un bisogno autentico di esternare emozioni, sentimenti e stati d'animo per un'espressione tutta d'istinto, libera e creativa, al di fuori degli schemi accademici, quasi un atto liberatorio, un'esigenza intima di trasmettere messaggi e farsi veicolo di comunicazione. E forse è proprio per questi motivi che la sua formazione non è passata attraverso gli studi tradizionali ma si è sviluppata invece in modo del tutto autonomo e personale, seguendo lo studio attento e approfondito della Storia dell'Arte, visitando musei e gallerie, frequentando e collaborando con artisti vari e di talento. Una formazione, dunque, quella di Paola D'Antuono, condotta in solitudine e appunto per questo più autentica e vera, più libera e sentita.
Così, dopo un avvio figurativo, caratterizzato da un'espressione di carattere prevalentemente naturalistico, la nostra artista ha incominciato a sentire il fascino delle Avanguardie Storiche, dell'Espressionismo lirico e dell'Informale, soprattutto, iniziando quindi una profonda metamorfosi tecnico-espressiva, una fase di straordinario mutamento estetico-formale fatto di colore, gesto e materia. Pittura non più descrittiva, dunque, non più legata alla narrazione del reale, ma tutta d'emozione, tutta concentrata sull'ascolto delle intime pulsioni, dei sentimenti e delle sensazioni. E se la natura, o certi aspetti di essa, ancora sembrano emergere dalle sue opere, essi rappresentano solo ed esclusivamente la fonte d'ispirazione, l'input creativo, perchè poi tutto si risolve nella pienezza del colore, nel vortice magico della materia pittorica, nella sensualità cromatica. Ma quello che più colpisce, nell'espressione di Paola D'Antuono, è la sua tecnica, il suo modo di procedere e di lavorare perché la nostra artista non si serve solo dei tradizionali pennelli, ma anche, e soprattutto, della spatola la quale, ormai, è diventata una cosa sola con la sua mano e il suo polso, un docile strumento che, in modo quasi automatico, ubbidisce alla sua volontà, segue i suoi pensieri, traccia e interrompe percorsi e traiettorie. Con la spatola la nostra artista stende il colore, lo plasma e lo modella, lo scava, lo toglie e lo aggiunge. Nascono così i suoi quadri, percorsi dalla materia, dalle trasparenze e dalle delicate velature. Prendono corpo in questo modo le sue creazioni, che a volte si allontanano dalle tematiche naturalistiche e/o paesaggistiche per farsi più meditate e raccolte, più intime e psicologiche trasformandosi in vere e proprie visioni interiori, palpitazioni emotive, in voci misteriose e segrete dell’animo umano.
Possiamo davvero affermare che Paola D'Antuono è letteralmente affascinata dalla materia e dal colore: colore usato in quantità, sovrapposto più volte fino a fargli assumere il giusto spessore per essere plasmato e modellato, colore che altre volte lascia liberamente fluire ed esplodere, che segue e controlla per verificarne evoluzioni e mutamenti, colore che diventa terra, sabbia, roccia e duro sedimento da incidere, scavare, ferire. Paola ama la materia in quanto realtà mai statica ed inerte, ma dinamica e attiva, in continuo divenire e trasformazione, come lo scorrere lento e inesorabile del tempo, gli avvenimenti della vita, i fatti imprevisti e imprevedibili che cambiano l'esistenza. Perché i suoi dipinti, percorsi da crettature, solchi, squarci e ferite, altro non vogliono essere che la proiezione dell’animo umano, delle ansie e delle paure che affliggono l’uomo contemporaneo, delle insicurezze individuali e collettive che sono alla base dei grandi disagi esistenziali dei nostri giorni.
La rassegna, che sarà introdotta dal gallerista e critico d'arte Luciano Carini, chiuderà il 28 ottobre.
ORARI: Feriali e festivi dalle 16,30 alle 19,30
Lunedì, giorno di chiusura





Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list