ArteRaku.it - Noi Siamo Nudisti Timidi - di Kawamura Gun

Noi Siamo Nudisti Timidi

di Kawamura Gun  dal 01/04/2011 al 15/04/2011

  Roma (RM)


Noi Siamo Nudisti Timidi Una maschera ci dice di più di un volto (Wilde)

Il movimento dei nudisti timidi, creazione e ultima frontiera dell’universo paradossale di Gun Kawamura, sarà in mostra a Galleria 291 est dal 1 al 15 Aprile. Opere pittoriche e video presenteranno la sua visione ironico, ludico, erotica.
Paesaggi urbani e strutture parossistiche , prospettive letargiche e proporzioni emotive, Gun Kawamura da vita ad un movimento di nudisti che timidamente si affacciano nel panorama quotidiano, spezzandone le regole e i ruoli con la loro nudità. Un nudo difeso dall’apparente anonimato dei volti, che permette ai personaggi impressi sulla tela una libertà, altrimenti blasfema, che rimanda a riti tribali riformulati in giochi d’infanzia. La convivialità, i giochi di quartiere, i pic-nic, le maratone cittadine, vengono snaturate dall’individualità e riportate ad una rappresentazione pungente e beffarda dei ruoli che ciascuno di noi interpreta nella propria fame di riconoscimento. Gun preferisce costruire una maschera sui volti, una maschera neutra, bianca, dove sono gli occhi ad assentarsi, mettendo in evidenza il rosso delle bocche. Le uniche che mangiano, sorridono, mostrano i denti, paiono afone, conservano il tentativo di mostrare intenzioni. I suoi personaggi, a volto coperto e sfacciatamente nudi, si muovono in un contesto urbano canzonando il pudore del corpo nudo. Un tentativo forse di annullare le differenze e rendere con amara evidenza lo sberleffo alla cultura contemporanea ormai persa nello sforzo di controllare attraverso l’omologazione. Lo stesso artista afferma: “ La risata nasconde la mia timidezza, c’è una parte di me che prova vergogna, un’altra che affronta le cose con un riso amaro” e anche “sono paralizzato nella realtà, ciò che prende forma nei miei quadri se da un lato me ne vergogno, allo stesso tempo per me è una sfida, vedere fino a che punto io non esplodo a vedere le cose che stanno dentro di me, non voglio limitarmi e allo stesso tempo allargare il mio limite è una sfida dentro di me.”
Nascondersi, mostrando spavalderia e scioltezza, provocazione e assordante derisione del prossimo, nascondersi, il dramma di svelare la propria natura, mantenere prudenza sul passato, mostrare potere sulle proprie emozioni, tenere fede al potere catartico dell’ironia. Cosa nasconde la timidezza? Gun stesso cerca di prenderne le distanze, concentrandosi solo sul presente e mantenendo riserbo e pudore sul passato:“l’ultimo momento che ho vissuto è il migliore”, afferma.
Può forse questo preservare qualsiasi malinconia?
Ilde Lazzara



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list