ArteRaku.it - OSSERVATORIO#2 [VOL.4] FILIPPO LA VACCARA - a cura di Alberto Zanchetta

OSSERVATORIO#2 [VOL.4] FILIPPO LA VACCARA

a cura di Alberto Zanchetta  dal 28/11/2009 al 17/01/2010

  Vicenza (VI)


OSSERVATORIO#2 [VOL.4] FILIPPO LA VACCARA SISTEMI DI CONTEMPORANEO è un progetto culturale dedicato all’arte contemporanea promosso e organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza che intende coinvolgere i parchi, le piazze, le vie e gli edifici della città.

Nell’ambito dei SISTEMI DI CONTEMPORANEO si inserisce la programmazione di EPIDE®MIE, rassegna curata da Alberto Zanchetta che presenta il progetto OSSERVATORIO.
In attesa della riapertura della Basilica e del Salone Grande, un segnale “di lavori in corsi” arriva dall’interno dello stesso edificio. Nel loggiato saranno infatti allestite una decina di vetrine, come fossero le bacheche di un piccolo museo sotto vetro. Si tratta di una sorta di esposizione en petit che sarà propedeutica ai futuri eventi e alle grandi rassegne che si realizzeranno nella Basilica. La rassegna prevede due location: la prima, OSSERVATORIO#1, è dedicata ad una ricognizione sulla pittura e sul disegno; la seconda, OSSERVATORIO#2, è dedicata alla scultura e all’installazione. La programmazione dei due spazi si svolgerà in parallelo e ospiterà durante tutto l’arco dell’anno otto mini-personali, ognuna delle quali è legata al tema dell’ibridazione..


FILIPPO LA VACCARA
28 novembre 2009 - 17 gennaio 2010

Si conclude la rassegna dedicata alla scultura e all’installazione con la personale di Filippo La Vaccara dal titolo “Magic Windows”. Magico, immaginifico, fantastico, fiabesco sono aggettivi che ben si attagliano a descrivere la poetica dell’artista, le cui opere sono vere e proprie epifanie: apparizioni che prendono forma (di animali o di persone) in un’atmosfera ovattata e assurda. In mostra alcune recenti sculture in cartapesta che sono metafora della condizione umana; si tratta di sculture leggere, quasi inconsistenti, fatte di vuoto, che mettono in evidenza il proprio aspetto artigianale, quel “fatto a mano” che esprime una naïveté sempre, profondamente, intellettualizzata. Il senso di sospensione di questi lavori risponde alla necessità di materializzare un’idea nella forma più semplice e immediata, libertà di sintesi che si attiene più al concetto che né al realismo. «Questa semplificazione estrema – precisa l’artista – è una distillazione dell’immagine che avviene in maniera naturale. Un dipinto, così come una scultura, è a mio avviso un modo per riordinare le idee del mondo». A fianco delle sculture imbevute di colore, un grande quadro di due metri per due poggia a parete, puntellandosi su delle zeppe in legno. Il carattere installativo del dipinto, il cui soggetto sembra una scultura a due dimensioni, dialoga perfettamente con le cartapeste dipinte, che all’interno hanno un fil di ferro (la cosiddetta “anima”) che non è altro che un disegno tridimensionale. Questo scambio interdisciplinare è una costante della ricerca artistica di Filippo La Vaccara, il quale pare ricordarci che “tutto è transitorio”.
In occasione della manifestazione “Vie di fuga”, che si svolgerà a Vicenza dal 15 al 17 gennaio 2010, il finissage di Filippo La Vaccara sarà accompagnato dall’estemporanea presenza di sculture gonfiabili, che saranno “liberate” nella Piazza dei Signori.


Filippo La Vaccara è nato a Catania nel 1972, vive e lavora a Milano.

Principali esposizioni personali: 2009 - La trama invisibile, Galleria Claudia Gian Ferrari e The Flat Massimo Carasi, Milano; Travel, Centro per l’Arte Contemporanea Bannata, Enna; 2007 - Capsized!, The Flat Massimo Carasi, Milano; 2004 - Il corso delle cose, The Flat Massimo Carasi, Milano; Maya: illusione, Marco Canepa Gallery, Milano; 2002 - Laboratorio, Ex Granaio, Fondazione Orestiadi, Gibellina (TP); 2001 - Filippo La Vaccara, Galleria Salvatore+Caroline Ala, Milano
Principali esposizioni collettive: 2009 - Flower power, Villa Giulia, Verbania; New Italian Epic, Brown, Milano; 2008 - Arrivi e partenze, Mole Vanvitelliana, Ancona; 2006 - Getting on mother's nerves, Psycological drama and contemporary drawing, Mother's Tankstation, Dublino (Irlanda) - Allarmi, Caserma De Cristoforis, Como; 2005 - Talk to the city, Fabbrica del vapore, Care of, Milano; 2004 - Per amore, Montevergini, Galleria Civica d'Arte Contemporanea di Siracusa.


Loggiato della Basilica Palladiana
orario continuato
info Assessorato alla Cultura
tel. 0444 222122 - 222114
uffmostre@comune.vicenza.it



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list