ArteRaku.it - Cecilia Falasca: i x i = itineranti / interattive - SCULTURE i x i

Cecilia Falasca: i x i = itineranti / interattive

SCULTURE i x i  dal 06/06/2009 al 21/06/2009

  Termoli (CB)


Cecilia Falasca: i x i = itineranti / interattive Nell’idea del gioco c’è l’antica idea dell’ apeiron; l’apertura, la piazza, l’incontro. Cecilia Falasca ha coerenza con questa idea di mondo. Da oltre vent’anni lavora alla ricerca di una geometria scultorea che potenzialmente metta insieme, unisca, coefficienti di senso con la libertà interattiva della comunicazione tra esseri umani. Sculture modulari che rispondono alla geometria del cosmo, la cromaticità dei modelli riferita alla possibilità combinatoria che lo spettatore, secondo la propria coscienza, compone seguendo le direttive aperte, “apeiron”, date dall’artista. Il pensiero di base è il pensiero di antico lignaggio filosofico; un bambino che gioca a dadi come nella virtù analitica e poetica di J. Huizinga che Falasca trasforma in principi geometrici. È la visione in sogno di un’ andata alle direttive del cosmo cogliendo, nel giardino segreto dello spirito, simbolismi e rapporti architettonici da mettere in offerta, con le alluvionali performance, all’istinto archetipale degli spettatori. Così la composizione diventa un insieme di rapporti geometrici, matematici, umano con umano. Il gioco, questo gioco d’artista :
Costituzione del corpo delle sculture i x i :

1) base (tavola di legno nera di cm 53x53x1,8)

2) contenitore in plexiglas di cm 41x41 (base), di cm 3,8 (altezza lato)

3) 16 mattoncini di legno (pixel) ricoperti da polvere di marmo e terre colorate di cm 9,5x9,5x4,
i colori dei mattoncini sono 4 sviluppati in 4 gradazioni.


Il viaggio itinerante :

Le sculture i x i verranno posizionate ognuna in un luogo diverso (che può essere un’abitazione, una galleria, un ufficio,qualunque luogo….) per un periodo di tempo deciso dalla progettualità dell’evento, in seguito le sculture verranno spostate in altri ambienti secondo un ordine stabilito precedentemente.


interattive perché :

Ogni scultura i x i una volta posizionata in un luogo dall’artista con una sua personale composizione, potrà essere smontata e ricomposta in 1000 altri modi (in base ai colori, forma ecc.) da chi ne viene di volta in volta in possesso o si sente coinvolto alla partecipazione. Si otterrà ogni giorno così, o diverse volte al giorno, si avrà la potenzialità di avere una scultura sempre nuova, diversa dalla precedente nella più totale libertà.

Una scultura quindi che diventa G I O CO interattivo e momento di aggregazione senza annullare il rapporto estetico dato dalla successione delle composizioni

Identità :
Ogni scultura i x i sarà munita dell’indirizzo e-mail dell’artista e da un notes per la documentazione dei vari spostamenti e la durata delle singole esperienze. Ognuna avrà un nome riferito all’alfabeto greco.
A discrezione del possessore momentaneo e dei vari partecipanti, l’artista mette a disposizione una scheda da compilare ( informazioni personali :nome, età, professione, città di provenienza…nonché informazioni relative alla scultura: data di esecuzione, numero e titolo delle realizzazioni e per chi ha necessità di esprimere un commento.

Saranno arte anche le foto digitali riferite alle sculture realizzate e ai partecipanti durante le varie fasi di creazioni performative.

Le informazioni e le foto saranno inviate direttamente all’artista attraverso e-mail.


E’ fondamentale la collocazione “attiva” della scultura in un ambiente, in modo che da essa scaturiscano diverse sinergie:

- quella dell’artista che come un nomade “viaggia” attraverso l’opera e con l’opera
- quella di chi “ricrea” da solo o in gruppo
- quella di chi partecipa guardando


Ecco allora come il modulo compositivo può diventare psicologia intima e profonda accolta dalla scaturita passione dei partecipanti che per sentito richiamo all’infanzia vedono le forme nell’idea di Insetti, embrioni, figure intime risvegliate dal sogno del gioco, corpi ibridi, luci inconsce anime metalliche determinano la poetica a volte anche inquietante messa in vita dalle opere. Una vera infinitezza del cosmo assunta a principio da cui scaturiscono tutte le cose. Vere e sentite per la ricerca della felicità a cui tutti abbiamo diritto e accesso. Cecilia Falasca un passaporto per mondi intimi e felici. Il gioco…
Antonio Picariello
Cecilia Falasca
L’ artista lavora sempre più nella direzione di un’arte interattiva e relazionale superando la fase della rappresentazione sul piano.
La scoperta dello spazio e dell’interazione con il pubblico l’ha portata a sviluppare i progetti di interventi urbani attraverso “particelle” cromatiche (pixel o dall’artista definite “quanti di luce”) o elementi (aste, mattoni) che vanno ad intervenire negli spazi urbani o negli spazi sociali costruendo di volta in volta diverse soluzioni spaziali e cromatiche.
La fotografia diventa in conseguenza, sempre più lo strumento di documentazione e lo strumento di interpretazione di happening (progetto “gioca con me”) e di interventi specifici, fino a concretizzarsi come opera a se stante, ma che trova fondamento nel tempo delimitato e circoscritto di un’azione.
In particolare il recente progetto di happening interattivo, denominato “gioca con me” (messa a disposizione di un numero consistente di piccoli mattoni colorati in variatissime gradazioni, offerti al pubblico per la costruzione della propria struttura cromatica e spaziale) è stata riconosciuta da un pool di operatori e di psicologi, anche in un suo valore educativo e creativo per un progetto della B.S.A.E. per l’Abruzzo riguardante le carceri di massima sicurezza. (A. Zimarino)

L’ultimo progetto SCULTURE i x i ( itineranti- interattive ) vede l’artista impegnata a Bruxelles (Belgio), Melbourne (Australia), New York (USA), Toronto (Canada).



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list