ArteRaku.it - Black Star: Danilo De Luca omaggia Bowie - Contemporary VOL2 DAVID BOWIE TRIBUTE

Black Star: Danilo De Luca omaggia Bowie

Contemporary VOL2 DAVID BOWIE TRIBUTE  dal 10/01/2019 al 14/01/2019

NVMEN ART GALLERY Via Capo d' Africa 9 Roma (RM)


Black Star: Danilo De Luca omaggia Bowie Dopo la prima edizione di #CONTEMPORARY, 2(be)Art dedica il vol.2 all’ artista per eccellenza David Bowie. Un omaggio nella settimana in cui ricorre l’ anniversario della sua nascita e scomparsa.

Tra gli artisti in mostra anche Danilo De Luca con Black Star. Nel testo critico del curatore Ilaria Giacobbi.

Blackstar, il testamento artistico di David Bowie, viene trasposto su tela da Danilo De Luca attraverso una sintesi tra musica e arti visive.
L’ opera, concettualmente articolata, si compone di continui rimandi e citazioni
Già nel titolo, “I’m closer to the golden dawn”, De Luca palesa il suo intento di tradurre in chiave pittorica la summa del percorso musicale di Bowie progredito in parallelo a quello umano, di ricerca, oscillante tra l’ immanente e il trascendente, amplificato dall’ uso/abuso di sostanze altre. Tante le indicazioni e i messaggi in codice disseminati in cinque decenni da Bowie che si congeda dalle scene quasi lanciando una sfida, Danilo De Luca la (rac)coglie compiendo un viaggio a ritroso. Punto di partenza il video musicale che accompagna il brano Blackstar, diretto da Johan Renck (seguace appassionato di Crowley) un cortometraggio surreale e ipnotico, disturbante e conturbante: Danilo De Luca affascinato dalle relazioni e contaminazioni tra le arti visive, scompone i contenuti formali delle immagini, dimostrando come il disegno, liberato dalle barriere statiche e spaziali, consenta di comunicare messaggi attraverso una nuova forma di rappresentazione dinamica e temporale.
L’ arte pittorica si relaziona al cinema in un rapporto simbiotico, i personaggi del video musicale sono trasposti sulla tela, in posizione centrale, fluttuanti nell’ oscuro spazio disseminato di stelle: il cranio scheletrico del Maggiore Tom celato dal casco da astronauta (ispirato a Space Oddity) e un David Bowie, profeta pazzo e cieco con due bottoni al posto degli occhi. Una metafora di ascesa dell’ uomo verso la divinità?!
Il titolo del dipinto, incipit del brano Quicksand, è la citazione che esplica meglio il lato occulto di Bowie, la sua fascinazione per Crowley, rimarcata dalla frase “Love is the law, Love under the will” collocata nella parte alta dell’opera come un epitaffio all’ingresso di una porta: una dimensione altra dietro la stessa. Un uomo che sta diventando Dio, un congedo dalle scene, definitivo. Nel castello di Ormen. O forse no!


Artists: Antonella Torquati, Giorgio Nuzzo, Alessandro Zucca, Marco Lay, Luca Idili, Danilo De Luca, Luigi Marrocco, Loredana Giannuzzi, Daniela Durisotto, Lorenzo Lombardo, Francesco Murgia, Battista Doneddu, Grazia La Padula

Art Curator: Ilaria Giacobbi - Pietro Galluzzi


Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list