ArteRaku.it - La dolcezza può far perdere il senno - Invito in cantina

La dolcezza può far perdere il senno

Invito in cantina  dal 26/05/2018 al 30/06/2018

Tenuta La Pineta via setteponti 65 Castiglion Fibocchi (AR)


La dolcezza pu#242; far perdere il senno Da sabato 26 maggio, gli ambienti in e outdoor della tenuta vinicola di Luca Scortecci a Castiglion Fibocchi, ad Arezzo, saranno aperti all’arte contemporanea. Non è la prima volta che il vino e l’arte s’incontrano in questi spazi: per questo evento è stato ideato un concept espositivo che unisce un’eterogeneità di media e linguaggi, lasciando costantemente al centro il contesto. Le opere realizzate, tutte create in esclusiva per questa iniziativa, muovono infatti dal luogo che le accoglie, con il quale conducono un dialogo silenzioso e puntuale. In casi come il nostro, una mostra può rivelarsi tanto gravida di componenti, stimoli, sfumature, ma anche di ambiguità, ambivalenze e contraddizioni, che trovarsi a percorrerla può portare ad immergersi in una dimensione a sé stante, scissa, indipendente dal reale e tuttavia così incredibilmente autentica e indissolubilmente legata al vissuto. S’invita il visitatore a compiere un percorso, diviso in quattro capitoli, muovendosi dall’esterno verso l’interno. La teatralità di Meteorite, installazione site specific di Alessandro Bernardini, apre questa sorta di cammino, mettendo in scena una realtà allucinata e distorta, annichilita e devastata a seguito della collisione con una roccia ricoperta da una coltre di catrame: è l’incipit del racconto che ci si accinge a narrare. Questo scenario esorta a cercare rifugio all’interno, dove nell’immediato si avverte un senso d’incertezza: infatti, tutto appare frammentato (Vinum Senescens), incerto (Pause – play – forward) e intorbidito (A me – n). Il trittico fotografico di Francesco Alpini, Pause – play - forward, sebbene mostri come soggetto una natura morta omaggio a Bernardini (come rivelano il manichino, la superficie nera e lucida che rimanda al catrame, i volumi di cemento, il minimalismo e il rigore della composizione), in esso lo still life risulta essere un mero pretesto per ragionare su questioni formali, tecniche e di percezione. Inoltre, dalla scelta del titolo, egli non contempla dichiaratamente la possibilità di tornare indietro (come risulta del resto insanabile la cesura tra i due elementi, quello umano e quello meccanico, in Vinum Senescens), innestando dunque un ulteriore germe di realismo in immagini esteriormente stranianti e avulse da una qualsivoglia forma di logica tangibile. Improvvisamente, questo stato di sospensione viene interrotto da un episodio di violenta rottura: Fratture immanenti, installazione site specific realizzata dai due artisti, giunge all’osservatore come un’immagine destrutturata e ricomposta attraverso i frammenti di uno specchio ideale che riflette un intero perfettamente intellegibile. Alla crisi segue la ricostruzione: a partire dalle fondamenta (il filo rosso del cemento in blocchi), la forza fisica e in misura superiore la mente umana, sia come ratio (Ombra libera) che come forza immaginifica, (From darkness to light) riconducono a nuova vita (Innesto 2.0 – Equilibrio variabile). Le ultime due opere citate fissano la ricerca della stabilità a tema centrale in corrispondenza della chiusura della mostra: se Bernardini resta ben ancorato a terra, suggerendo che l’equilibrio sia di fatto indirettamente proporzionale alla distanza dal suolo, Alpini sceglie l’utopia e rappresenta innesti in sospensione nei quali è la componente umana a simboleggiare la vita, annullando ogni effetto di gravità, in forza delle infinite capacità della mente umana.

Francesco Alpini nasce ad Arezzo nel 1981. Studia beni culturali e storia dell’arte e in seguito si dedica al restauro. Il suo iter creativo muove dalla pittura e, in breve tempo, avvia in parallelo un’indagine sul mezzo fotografico, dedicandosi dapprima alla fotografia analogica e in seguito a quella digitale. La sua cultura visiva ha rimandi che conducono ben oltre la fotografia, spaziando dalla pittura, al cinema, alla letteratura: da Rembrandt a Magritte, da Julian Schnabel a Terrence Malick, da Cormac McCarthy a Murakami. Negli ultimi anni si è specializzato in fotografia di scena e ritrattistica. Vive ad Arezzo, dove porta avanti la sua ricerca sulla fotografia intesa strumento per conoscere e scandagliare in profondità l’altro.
Alessandro Bernardini è nato nel 1970 ad Arezzo. Avvia la sua ricerca in ambito artistico nel 2011. Dal 2015 espone in mostre personali, collettive e special projects. Tra i solo show si citano i più recenti: Fragile, progetto site-specific per la Cannoniera della Fortezza del Girifalco a Cortona (ottobre, 2017); Catrame, a cura di Tiziana Tommei presso Galleria 33, Arezzo (maggio, 2017); Innesto, evento speciale per Cantine Aperte e Tenuta la Pineta a Castiglion Fibocchi, Arezzo (maggio-giugno, 2017). Tra le partecipazioni dell’ultimo anno si ricordano: Art Expo, a cura di Graziella Schenetti, New York (aprile 2018); Art Adoption New Generation, progetto site-specific per Palazzo Magini, Cortona (dicembre 2017 – gennaio 2018); What’s going on?, doppia personale con Ivan Cipriani Buffoni, a cura di Tiziana Tommei a Palazzo Magini, Cortona (settembre, 2017). Vive e lavora tra Arezzo e Firenze.

La mostra inaugura sabato 26 maggio alle ore 18.00 presso Tenuta la Pineta in Via Setteponti, n. 65 a Castiglion Fibocchi, Arezzo (GPS: Laterina, Via Maestà di Scopeto). Domenica 27 maggio sarà aperta con orario 10.00 - 19.00 e resterà visitabile su appuntamento fino al 30 giugno 2018.



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list