ArteRaku.it - Come un'anomalia - Sette visioni (anti )fisiognomiche

Come un'anomalia

Sette visioni (anti )fisiognomiche  dal 14/06/2008 al 04/07/2008

  Inverigo - Fraz. Villa Romanò (CO)


Come un'anomalia Come un'anomalia
Sette visioni (anti )fisiognomiche

Diego Cinquegrana, Antonio De Luca, Alessandro Di Pietro, Antonio Fiorini, Marco Pagliardi, Thomas Ray, Ashley Reid

a cura di Simone Frangi

Inaugurazione Sabato 14 giugno ore 18.30

La storia della ritrattistica occidentale viaggia sui binari dell'estetica della rappresentazione e dei principi teorici dell'imitazione. I Portraits e gli Autoportraits di Francis Bacon aprono una falla in questa storia, affidando definitivamente, dopo il preludio picassiano, il destino della figura umana alla deformazione. Il ritratto fisiognomico, nella sua massima aderenza realistica ai tratti fisici e psicologici del soggetto, inizia a fibrillare, entra in cortocircuito e finisce per essere somigliante ad un modello che non c'è.
Suggeriva Calvino che "la nostra immaginazione non può che essere antropomorfa": nella contemporaneità il ritratto, incapace di rinunciare all'icona umana, si trova costretto a lavorare contro se stesso, con un'anomalia di sistema, assistendo all'infiltrazione dell'irregolarità nella sua forma e nella sua funzione. L'anomalia, deviazione della norma della rappresentazione, inizia a defigurare e a decostruire le immagini. Se la fisiognomica alimentava il miraggio ed il pregiudizio di poter inferire caratteristiche morali, comportamentali e psicologiche dalle proporzioni anatomiche, il ritratto contemporaneo si scontra con la vita autonoma del corpo. Le congetture e le iperboli antropologiche, che azzardavano inesperte previsioni sui temperamenti, scoprono la loro disarmante ingenuità.
A dispetto dei profili criminali di Lombroso e delle silhouettes sociali di Lavater, Come un'anomalia sbugiarda la "pseudoscienza" fisiognomica, raccogliendo lo spaesamento dell'arte imitativa di fronte alla nuove avventure della carne: l'ibridazione cyberpunk, il mimetismo, il camuffamento e l'impermanenza dell'identità, l'inconsistenza fantasmatica dell'umano, l'inessenzialità dei dettagli fisionomici e la loro trasfigurazione. Per una decostruzione metodica del ritratto.

Diego Cinquegrana (Como, 1981). Vive e lavora a Como.
Antonio De Luca (Pompei, 1977) Vive e lavora ad Alessandria.
Alessandro Di Pietro (Messina, 1987). Vive e lavora a Como.
Antonio Fiorini (Brindisi, 1980) Vive e lavora a Milano.
Marco Pagliardi (Brescia, 1982). Vive e lavora a Milano.
Thomas Ray (Legnano, 1981). Vive e lavora a Milano.
Ashley Reid (New York, 1983) Vive e lavora a New York.

Galleria Circolo Culturale Togunà
Via Carlo Bianchi, 2
Inverigo, Fraz. Villa Romanò (COMO)
Orari: dal Lunedì al Venerdi, 16 – 19
Sabato e Domenica, 10 – 13 e 16 – 19
Dal 30 giugno al 4 luglio su appuntamento
Info: +39 031 607223; gmasche@tin.it;
simone.frangi@gmail.com

Ufficio Stampa Metamorfosi
diemetamorphose@gmail.com


Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list