ArteRaku.it - Fuori Porta - mostra di scultura in ceramica

Fuori Porta

mostra di scultura in ceramica  dal 21/04/2017 al 19/05/2017

SpazioELLE Via del Mare 138 Castel Gandolfo (RM)


Fuori Porta Fuori Porta

mostra collettiva di scultura in ceramica


Laura Giovanna Bevione, Domenico Cornacchione, Simona De Caro, Mirna Manni, Toni Rotunno, Mara van Wees.


A cura di Domenico Cornacchione


21 aprile – 19 maggio 2017

SpazioELLE – centro di ricerca e sperimentazione artistica
Castel Gandolfo – Via del Mare 138


Fuori Porta è una mostra dedicata alla lentezza, un’esposizione che vuole riscoprire il “ritmo lento” delle cose, una lentezza scelta come stile di vita, contro la velocità industriale e meccanica dei nostri giorni e delle nostre città. Per parlare di questo Tema la Galleria D’Arte Contemporanea SpazioELLE ha scelto di realizzare una mostra di scultura in ceramica. La terracotta ha i suoi tempi, ha bisogno di essere lavorata con lentezza, con la dovuta attenzione, ha le sue fasi di lavorazione che non possono essere accelerate. Il suo legame con la lentezza è indissolubile, così come lo è il suo legame con la tradizione. Lavorare la terra, manipolarla e poi mandarla in cottura aspettando in silenzio il risultato finale, ha qualcosa di rituale, di sacro, una sacralità che non ha necessariamente a che fare con la religione, ma piuttosto con il nostro io, con lo sguardo interiore, ha qualcosa che richiama alla mente ricordi e sensazioni del nostro passato. Le “scatole” in ceramica realizzate da Mirna Manni per la mostra sono proprio questo: dei contenitori mnemonici poetici. Questi piccoli teatrini della memoria rivelano racconti antichi e vecchi ricordi personali, emozioni, mondi interiori e richiami dell'inconscio.
Mara van Wees realizza un vero e proprio omaggio alla realtà quotidiana della vita “fuori porta”: godersi gli spazi di campagna, i suoi ritmi lenti, gli odori, i colori e la luce della natura.
Toni Rotunno, invece, continua la sua serie “DEI boschi”, opere che ci raccontano d’immagini, forme e colori legati alla sua terra d'origine: la Basilicata.
Le sculture di Simona De Caro nascono da una serie di “disegni automatici” realizzati attraverso l’uso diretto del colore e della linea. Le curve sinuose, partendo dalla base, si sviluppano in altezza creando la tridimensionalità attraverso piani concavi e convessi.
Domenico Cornacchione presenta una reinterpretazione delle sue sculture realizzate con pietre e filo di ferro. Questa volta, però, sostituisce le rocce con pezzi di ceramica recuperati da vecchi oggetti ormai inutilizzati e destinati alla discarica.
La mostra termina con un lavoro video realizzato da Laura Giovanna Bevione e Domenico Cornacchione. Lo schermo, diviso in due sezioni, mostra da una parte una mano che impugna una pistola, e dall’altra una serie di vasi in terracotta accatastati a terra che vanno in frantumi. I proiettili che distruggono i vasi non sono però, in questo video, “un’offesa” alla ceramica, l’intenzione degli artisti non è quella di “uccidere” la terracotta, ma, al contrario, quella di infondere nuova vita a un materiale ormai sempre più spesso relegato a un ruolo marginale nell’arte contemporanea. I frammenti derivati dalla distruzione dei vasi, infatti, sono esposti in mostra come si trattasse di vere e proprie sculture. Fuori Porta, allo SpazioELLE dal 21 aprile al 19 maggio 2017.


Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it

Se hai trovato utili queste pagine e vuoi darci un segno della tua riconoscenza offrici il caffè.
Clicca sulla tazzina, potrai fare una donazione attraverso PayPal.
Grazie per aver supportato ArteRaku.it

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list