ArteRaku.it - "Il VIVISMO" mostra d'arte contemporanea - Da Bevagna a Montefalco

"Il VIVISMO" mostra d'arte contemporanea

Da Bevagna a Montefalco  dal 27/03/2015 al 11/04/2015

  BEVAGNA (PG)


Il VIVISMO mostra d'arte contemporanea Oggetto: Il Vivismo


Mostra di Girolamo Barbini detto MOMO

Genere: Arte Contemporanea

a cura di Andrea Baffoni

Sede: Bevagna (PG) Palazzo dei Consoli “Mercato Coperto”

Data dal 27/03/2015 al 11/04/2015

Inaugurazione: venerdì 27/03/2015 alle ore 18.00

Organizzazione: Comune di Bevagna

Enti Patrocinatori: Comune di Bevagna

Informazioni: comune.bevagna@postacert.umbria.it – Tel 0742/368111
ilvivismo@gmail.com – Tel 3663808184



Momo: il processo vitale della natura
Un seme che germoglia rinnova il processo vitale da cui dipende la nostra sopravvivenza. L’artista che si pone di fronte a questa verità non può esimersi dal rispettarla ed esaltarla. In questo senso il lavoro artistico di Momo (Girolamo) Barbini, catalizza l’attenzione dello spettatore stimolandolo ad un’attiva presa di coscienza per omaggiare e rispettare il miracolo del continuo rinnovamento.
La Natura è il luogo dove agire. Il laboratorio in cui osservare le dinamiche processuali della vita; i colori delle piante; ascoltare il canto del vento o dello scorrere delle acque.
Riflettendo sul procedere degli elementi Momo sente la necessità di appropriarsene, e non si limita alla riproduzione, ma ne porta in superficie il processo stesso, dando origine ad una corrente di pensiero che denomina Vivismo, termine coniato con l’obiettivo di sensibilizzare alla vita, intesa come rapporto con la natura. Nascono sculture e bassorilievi che sembrano mondi in miniatura: la pianta che cresce; la tana per gli insetti. L’opera, così, diviene spazio vitale e si ricollega al tema dell’arte processuale, emersa sul finire degli anni Settanta attraverso i protagonisti dell’Arte povera.
Al tempo le correnti più estreme come Minimal Art, Land Art e Body Art, nascevano in opposizione ai fenomeni Pop, alimentati dalla straordinaria vitalità della Factory di Andy Warhol, e in antitesi con le politiche consumistiche. In Italia la situazione si presentava attraverso esperienze di intima relazione fra artista e natura: Giuseppe Penone che imprime la sua forma su un albero per crescere insieme ad esso; Jannis Kounellis ed i cavalli vivi all’Attico di Sargentini; Piero Gilardi con i suoi “tappeti-natura” in poliuretano; Gino Marotta che usa il metacrilato per realizzare boschi, foreste e animali; e l’elenco potrebbe estendersi molto ancora. L’utilizzo di elementi naturali, o addirittura il procedere nella natura stessa, esplode nella cultura occidentale, eccitata dalle grandi contestazioni studentesche e rafforzata dal Sessantotto, aumentando la propria incidenza nel corso degli anni Settanta e perdendo gradatamente interesse nel decennio successivo.
Oggi non si tratta più di contestare; movimenti e ideali nascono e si spengono in breve tempo; riempiono per qualche giorni pagine di giornale e notiziari, perdendo presto di interesse, venendo rimpiazzati dalle successive notizie. La società liquida è questo costante cambiamento, l’isolamento intellettuale, la rinuncia alla battaglia.
Il messaggio di Momo deve essere letto nella semplicità di una proposta intima e riservata, ben inserita in un territorio piccolo come quello della campagna bevanate. Memore degli insegnamenti francescani, rispettoso di quella natura che è tanto madre, quanto casa in cui ritrovare l’equilibrio perduto.
Il Vivismo, e l’intera esperienza di Momo, appartengono al retaggio di una tradizione che trova nella campagna il senso di una reazione pacifica agli eccessi del presente. L’estremizzazione tecnologica induce al ritiro l’artista sensibile; a scegliere metaforicamente la strada dell’eremo, trattando l’arte come il mistico tratta la preghiera. Le opere di Momo dialogano con elementi della contemporaneità: poliuretano, plastiche, elementi d’uso quotidiano, ma la finalità loro viene diretta alla riproposizione della vita. Su di esse l’artista colloca elementi vegetali; e terra. Terra su cui possano crescere erbe e altre piante, ma lascia anche spazi vuoti, vere e proprie tane dove possano trovare rifugio piccoli animali e insetti. È l’utopia di un artista che tenta di ricreare l’habitat terrestre; l’“essere natura”, offrendo al pubblico la possibilità di immedesimarsi non tanto con l’opera, ma con il suo messaggio. Un lavoro che trova la massima espressione direttamente nell’ambiente, interagendo con alberi, terra, erbe, animali; tramutandosi in una ri-attualizzazione della Land Art, dove il principio di fondo è la compenetrazione e condivisione fra artista e natura. Un destino comune: la volontà di ritirarsi nel silenzio delle piccole cose, abbracciando artisticamente il senso dell’arte come prodotto dell’intelletto umano, ma omaggiando la Madre Terra quale luogo e fonte di ogni essere vivente.
Andrea Baffoni



Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list