ArteRaku.it - Tra segno e colore - Opere su carta della collezione Ricci Oddi

Tra segno e colore

Opere su carta della collezione Ricci Oddi  dal 13/04/2013 al 09/06/2013

  Piacenza (PC)


Tra segno e colore Poco più di una cinquantina di opere che avranno come filo conduttore il supporto utilizzato – la carta – e i suoi problemi conservativi. Una mostra diversa e particolare, che intende stimolare il visitatore attraverso il confronto: bianco/nero e colori, disegni e stampe, acquerelli e pastelli.

Al momento dell’inaugurazione della Galleria Ricci Oddi, nel 1931, le opere su carta − esclusi, in ragione della tecnica, gli oli su carta e cartone − sono circa un terzo su poco più di 450 pezzi complessivi, di cui una trentina a colori (pastelli e acquerelli) e il resto in bianco e nero (disegni e incisioni). Nei successivi allestimenti la presenza del bianco e nero si restringe progressivamente fino alla drastica riduzione dell’ultimo, quello di Stefano Fugazza del 2001; una decisione inevitabile, dovuta a esigenze di conservazione: le opere su carta, fragili e delicate per composizione chimica, sono anche molto sensibili a prolungate esposizioni alla luce.

Alcuni di quei pezzi sfilano oggi all’interno della mostra Tra segno e colore. Opere su carta della collezione Ricci Oddi, che si sviluppa lungo il filo conduttore del supporto utilizzato – la carta – e dei suoi problemi conservativi, con intento documentario e didattico. Due le parti in cui si articola il percorso espositivo: al bianco e nero di disegni e stampe, segue il colore di acquerelli e pastelli che, sebbene in ambiente storico e critico, oltre che nella percezione del collezionismo, siano considerati tecniche pittoriche in senso proprio e quindi altra cosa, sono qui documentati, presentando in generale analoghi problemi conservativi. Troviamo così i romantici fusains del Fontanesi, il carboncino finito e dettagliato del Borrani, la matita del Klimt, le sbavate e caricaturali acqueforti del Fattori, di contro a quelle più fini e precise ancora del Fontanesi, gli acquerelli del Morelli e i pastelli del Casciaro.

L’intento didattico si manifesta nell’allestimento della mostra, nella quale le opere – in parte bisognose di restauro, in parte invece già restaurate per stimolare un confronto − sono suddivise per tipologia, in sezioni introdotte da pannelli esplicativi sulle cause del degrado della carta e sulle diverse tecniche. Il percorso trova un naturale prolungamento nelle sale della Galleria, dove indicazioni didascaliche specifiche segnalano al visitatore le opere su carta permanentemente esposte.

Un’occasione davvero unica per poter ammirare opere tenute a lungo in deposito e sconosciute al grande pubblico.







Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list