ArteRaku.it - “La Via Francigena da Corot a Monicelli” - Una mostra di Gerhard Schwarz

“La Via Francigena da Corot a Monicelli”

Una mostra di Gerhard Schwarz  dal 17/03/2012 al 25/03/2012

  Formello (RM)


&La Via Francigena da Corot a Monicelli& Al via, sabato 17 marzo, la mostra dell’artista Gerhard Schwarz presso la Sala Orsini di Palazzo Chigi a Formello. Circa cinquanta dipinti a olio su tela di varie dimensioni, realizzati fra la fine degli anni Novanta e i giorni nostri, ripercorrono idealmente i paesaggi e le meraviglie de “La via Francigena da Corot a Monicelli”.

I visitatori della mostra, aperta tutti i giorni fino a domenica 25 marzo, vedranno i luoghi che milioni di pellegrini, dalla fine dell’VIII secolo ad oggi, hanno incontrato nei loro viaggi devozionali da e verso Roma, dimora della venerata Tomba di Pietro. Ed è appunto fra i boschi che si diramano da questa strada, che comprende una serie di località dell’alto Lazio fra cui la Tuscia laziale, l’Agro Falisco, Tarquinia e l’Etruria, che alcuni fra i più grandi creativi di tutti i tempi hanno trovato ispirazione per i propri lavori.

Jean-Baptiste Camille Corot, capofila della Scuola di Barbizon e fra i pittori preferiti dal maestro Schwarz, visitò a più riprese luoghi come Narni e Nemi ed eternò col suo pennello molti laghi del territorio laziale, creando dipinti brulicanti di luce e di vita. Oltre un secolo più tardi, uno dei più alti esponenti della “commedia all’italiana”, il regista Mario Monicelli, ambientò fra Oriolo e i Monti Cimini, Calcata e il lago di Bolsena, molte scene di capolavori cinematografici quali “Il marchese del Grillo”, “Amici miei” e “L’armata Brancaleone”.

Gerhard Schwarz, tedesco di nascita ma italiano d’adozione, riprende con forza questa eredità e, rinnovandola attraverso la sua pittura “impressionista” ed “en plein air”, riesce a far emergere tutta la magia dei luoghi intorno all’Urbe. Nelle tre sezioni della sua mostra formellese, “Antichità”, “Boschi e laghi” e “Medioevo”, l’artista fa sì che siano i suoi dipinti a parlare, evocando storie di ieri e di oggi e sprigionando l’affascinante atmosfera che emana dai luoghi della Via Francigena, che nel suo immaginario costituisce una vera e propria metafora della vita umana.

“La Via Francigena”, spiega Schwarz, “non è solo un simbolo del pellegrinaggio, ma anche un’immagine della Vita. L’esistenza di tutti noi, infatti, è simile a un pellegrinaggio che ha un inizio e, presto o tardi, anche una fine: sarebbe bello che tutti, in quest’ottica, tralasciassimo un poco di badare al benessere materiale in favore di un senso profondo della fede. Infine, la Via Francigena è anche un’allegoria della mia vita: un cammino che voglio continuare a percorrere nel segno dell’arte e di tutto ciò che amo di più”.

--------------------------------
“La Via Francigena da Corot a Monicelli” di Gerhard Schwarz

17 marzo-25 marzo 2012 presso la Sala Orsini di Palazzo Chigi, Piazza San Lorenzo 1, Formello (RM)

Inaugurazione: sabato 17 marzo, ore 17.00

Orari di apertura: tutti i giorni 10.00-13.00 /15.00-19.00,

INGRESSO LIBERO

Domenica 25 marzo visita guidata gratuita: appuntamento al Santuario del Sorbo (Campagnano di Roma) alle ore 9:00, visita del Santuario e passeggiata lungo la Via Francigena con arrivo a Formello e visita della mostra di Schwarz

INFO: 06/90194239-240
Ufficio stampa mostra: Manuela Giammarioli manuela.giammarioli(at)libero.it

--------------------------------
Biografia


Gerhard Schwarz nasce ad Heidelberg, in Germania, nel 1959. Mostra un precocissimo interesse per la pittura, e la professione di tipografo, che svolge con passione per parecchi anni, lo aiuterà in questa direzione. Nel 1983 giunge a Roma per stabilirvisi definitivamente. Lavora come menestrello per le strade, finché Dario De Blanck, pittore surrealista allievo di Marc Chagall, rimane colpito dai suoi dipinti e lo invita a esporre in quella prestigiosa “vetrina” che è Via Margutta. Da allora, Schwarz ha tenuto numerose mostre personali e collettive in tutta Italia e ha ricevuto numerosi riconoscimenti, fra cui il Premio Baiocco 2005 come miglior artista straniero. Attualmente lavora ed espone principalmente nella capitale e nei suoi dintorni, dove tiene anche dei corsi di pittura gratuiti: il prossimo si snoderà in 4 lezioni presso il Casolare 311 di Formello e 6 passeggiate nel Parco di Veio.

---------------------------------

Mostre personali e collettive


-“Etruria d’incanto”, Archeoclub d’Italia, Sede di Formello, 1995
-“Calcata e la Valle del Treja”, Associazione culturale “Il Granarone”, Calcata, 1999
-“Anguillara e il suo lago”, in occasione della “Rassegna letteraria Città di Anguillara”, Anguillara Sabazia, 2003
-“I tumuli di Veio”, Sala Orsini di Palazzo Chigi, Formello, 2003
-“Paesaggi del XX Municipio”, Torretta Valadier, Roma, 2004
-“I ponti sul Tevere”, Torretta Valadier, Roma, 2005
-“Formello sotterranea”, Sala Orsini di Palazzo Chigi, Formello, 2005
-“Roma sotterranea”, una città “sotto” con dipinti di Gerhard Schwarz, Associazione culturale Roma sotterranea, Torretta Valadier, Roma, 2007
-“Veio 1995-2007”, Sala Orsini di Palazzo Chigi, Formello, 2007
-“Ars Creandi”-MEI 2010, Museo Venanzo Crocetti, Roma, 2010
-“Festival Internazionale dell'Arte per la pace tra i popoli e le religioni”, Ambasciata della Repubblica dell’Iraq, Roma, 2011
-“Jazz art: pittura, scultura e musica jazz a Roma”, Accademia di Romania, Roma, 2011





Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list