ArteRaku.it - L'ATTACCAPANNI - Gli artisti che fanno l’attaccapanni!

L'ATTACCAPANNI

Gli artisti che fanno l’attaccapanni!  dal 27/10/2006 al 05/11/2006

   ()


L'ATTACCAPANNI "Alle ore 18.00 di venerdì 27 ottobre, a cura di Giuseppe Salerno, si inaugura al Caffè Letterario di Roma la mostra "L'attaccapanni". Cinquanta attaccapanni-oggetto d'ogni forma e materiale, realizzati da pittori, scultori, poeti, architetti e designer resteranno in esposizione sino al 5 novembre. Una mostra questa, dedicata all'oggetto che da sempre ci dà il benvenuto ogni volta che rientriamo in casa.


Artisti:Enrico Abenavoli, Pasquale Altieri, Luigi Ballarin, Riki Bandelj, Piergiorgio Baroldi, Giorgio Bartoli, Giuseppe Canali, Anna Maria Capece Minutolo e Delia Carnioli, Giovanni Carpentieri, Lucia Cenni, Maria Teresa Ciammaruconi, Anna Del Vecchio, Gerardo Di Salvatore, Vittorio Fava, Lucilla Frangini Ballerini, Mario Giuliani, Marina Joppolo, Lughia, Bianca Madeccia, Ugo Magnanti, Gabriele Mazzara, Francesca Musella, Franco Ottavianelli, Valentina Pallagrosi, Massimo Palumbo, Pasquale Pazzaglia, Giampietro Preziosa, Eliana Prosperi, Bruno Regni, Simona Rinciari, Angela Scappaticci, Piero Sensi, Marco Staffaroni, Maurizio Tiberti, Ivano Tomat, Valter Vari, Riccardo Wilczek, Zweiart


Galleria: Caffè Letterario Via Ostiense 95, Roma.
Durata: dal 27-10 al 05-11-2006, orario:11.00/24.00
Inaugurazione: venerdì 27 ottobre ore 18.00
Curatore:Giuseppe Salerno


Dal testo in catalogo di Giuseppe Salerno:

L’abito non fa il monaco! Ascoltando infinite volte questa “verità”, sono cresciuto nella convinzione che a fare di noi un santo o un diavolo non fosse l’aureola accompagnata dal pallore del viso e o il rosso infuocato di un corpo peloso. Poi un bel giorno qualcuno, qualcuno da cui dipendeva il mio futuro, indicando i capelli lunghi e l’abbigliamento poco a modo concluse: “…e si ricordi che l’abito fa il monaco!”.

Ho allora scoperto l’umanità griffata e, svanite le mie poche certezze, ho continuato a navigare, questa volta a naso, tra superficie e profondità sino ad approdare ad una convinzione nuova: gli uomini e il mondo sempre si dividono in due: il giorno e la notte, il bianco ed il nero, il maschile ed il femminile, il bello ed il brutto così come il destro ed il sinistro.

Soltanto più tardi, lungo questo mio percorso, sono inciampato nell’Arte ed ho capito che il destro può essere anche sinistro, che bello e brutto sono funzione di un tempo e di un luogo e che tra maschile e femminile non c’è alcun fossato. Così ho apprezzato l’infinita gamma dei grigi e ho provato pienezza nel fissare all’orizzonte ogni varianza dell’alba e del tramonto.

Da allora ogni realtà mi appare unica e sempre diversa e per quanto i recinti mentali, funzionali all’organizzazione, tentino l’incasellamento di ogni cosa, è soltanto l’accettazione della diversità e l’amore per la continua scoperta a dare senso alla mia vita.

Oggi, che di monaci senza abito e di abiti vuoti ne ho conosciuti tanti, non mi pongo più il problema e mi trovo di fronte ad una sola incontestabile certezza: è l’abito a fare l’attaccapanni!



Giuseppe Salerno







Con l'Arte, per l'Arte

Cosa vedere oggi

Sostieni ArteRaku.it


Lavoriamo condividendo passione e cultura organizzando mostre, workshop e lezioni gratuite perchè crediamo che solo la cultura renda relamente liberi.
Collabora partecipando alle nostre mostre, aiutandoci attivamente all'organizzazione delle stesse o sostetendoci con un piccolo contributo.

Mailing list

Per ricevere aggiornamenti e news su corsi, mostre, eventi e workshop relativi a ArteRaku.it iscriviti alla mailing list